Professori senza più alibi nell’uso delle tecnologie. No a classi divise in due

Fonte: “Avvenire”, 28.05.2020, pagina 11