ZigaForm version 6.1.2
Seminario "La pedagogia del lavoro nel secondo dopoguerra (1945-1970)" - 4 aprile, Padova - Locandina

Seminario “La pedagogia del lavoro nel secondo dopoguerra (1945-1970)” – 4 aprile, Padova

Seminario “La pedagogia del lavoro nel secondo dopoguerra (1945-1970)” – 4 aprile, Padova

Su richiesta della prof.ssa Carla Callegari, segnaliamo il Seminario “La pedagogia del lavoro nel secondo dopoguerra (1945-1970)”.
Il Seminario, organizzato dal Dipartimento FISPPA dell’Università degli Studi di Padova in collaborazione con il Gruppo di lavoro Siped “Pedagogia del lavoro. Competenze e formazione per lo sviluppo umano e la transizione economica digitale ed ecologica”, si terrà il 04.04.2024 dalle ore 09.30 alle ore 12.30 in presenza presso l’Aula F del Palazzo Ex ECA dell’Università degli Studi di Padova (Via Obizzi 21/23, Padova) e in streaming tramite piattaforma Zoom (https://unipd.zoom.us/j/82434538215).
Nel secondo dopoguerra la pedagogia italiana deve confrontarsi con i rapidi e profondi cambiamenti in campo politico-sociale, economico e culturale del Paese, inoltre deve ripensare la complessa eredità dell’attualismo gentiliano in campo pedagogico e scolastico. Il periodo che va dalla fine della seconda guerra mondiale alla metà degli anni Settanta è particolarmente significativo per la lettura pedagogica del lavoro che viene proposta: se ne precisa il valore formativo e si ipotizza una sua collocazione più efficace nel sistema scolastico.
Con l’avvio negli anni Cinquanta della terza fase della storia industriale, si accelera il ritmo delle innovazioni e si generalizzano i metodi di produzione e gestione: servono nuovi criteri di organizzazione del lavoro. La “produzione snella” richiede una solida integrazione tra lavoratori “polivalenti” e macchinari automatizzati. La pedagogia italiana elabora molteplici proposte tese a saldare cultura e lavoro, attività manuale e intellettuale, sapere e professionalità, teorie e prassi. I modelli hanno radici teorico-storiche e sono innovativi dal punto di vista sociale e politico.
In Italia ne vengono discussi anche di stranieri di matrice culturale diversa come quelli di Sergej Hessen e John Dewey che influiscono nella pedagogia italiana del lavoro. Si prospetta così una nuova pedagogia del lavoro che guarda anche a proposte di studiosi stranieri per venire incontro alle nuove esigenze del mercato lavorativo italiano e della formazione dei lavoratori.
Il seminario si propone di indagare, da più punti di vista, questo periodo storico, tracciando anche alcune connessioni con il presente. Conoscere modelli alternativi delineati nel passato e compararli con quelli odierni, può aiutare a progettarne di nuovi per l’immediato futuro, come richiesto dai cambiamenti socio-culturali ed economici sempre più veloci degli ultimi decenni e dalla sfida odierna posta dalle macchine intelligenti.
Per confermare la propria presenza al Seminario si prega di inviare una mail al seguente indirizzo: giulia.fasan@unipd.it

Locandina

Articoli correlati