Tutti i post con etichetta metodologie

Pubblicazione dossier “Infanzia, famiglie, servizi educativi e scolastici nel Covid-19”

Categorie: 2020, News, Presentazioni di volumi
Commenti disabilitati su Pubblicazione dossier “Infanzia, famiglie, servizi educativi e scolastici nel Covid-19”

Su richiesta delle prof.sse Alessandra Gigli e Silvia Demozzi, segnaliamo la pubblicazione del dossier del Centro di Ricerche Educative su Infanzia e Famiglie (CREIF) dell’Università degli Studi di Bologna “Infanzia, famiglie, servizi educativi e scolastici nel Covid-19”.
Il dossier presenta una raccolta di 16 contributi, approfondimenti tematici, dati di ricerca, riflessioni e proposte di taglio pedagogico su infanzia, servizi educativi e famiglie nell’emergenza Covid-19. Nella seconda parte del dossier, scendendo più nel terreno delle prassi, sono proposte alcuni concetti chiave che dovrebbero orientare la qualità delle proposte educative per progettare le “nuove fasi” di riapertura.
Per maggior informazioni: https://edu.unibo.it/it/terza-missione/formazione/dossier-creif

Seminario “La scuola inclusiva tra modelli, metodologie e pratiche” – 23 gennaio, Catania

Categorie: Archivio Seminari
Commenti disabilitati su Seminario “La scuola inclusiva tra modelli, metodologie e pratiche” – 23 gennaio, Catania

Su richiesta della prof.ssa Paolina Mulè, segnaliamo il seminario “La scuola inclusiva tra modelli, metodologie e pratiche”.
Il seminario si terrà in data 23.01.2020 dalle ore 15.00 alle ore 20.00 a Catania, presso l’Aula 5, Complesso Edilizio Verginelle, Dipartimento di Scienze della Formazione, Corso di specializzazione per il sostegno, Università degli Studi di Catania (via Casa Nutrizione).
Nella scuola attuale è fondamentale fare rete per integrare ed includere gli studenti disabili, fulcro principale dell’azione educativa che tende verso l’unitarietà e l’integralità della persona, anche perché è un diritto di tutte le persone essere accompagnati al pieno sviluppo delle sue singolari potenzialità. L’importanza della sperimentazione, dei protocolli organizzativi diventa centrale nel paradigma della differenziazione pedagogica. Dalla interrelazione della elaborazione della conoscenza con i contenuti stessi da apprendere si genera l’elaborazione di strategie di apprendimento. Alla realizzazione di diverse strategie corrisponde la determinazione di metodi differenti. I metodi vanno calibrati a seconda dei profili attitudinali di ciascun soggetto-persona unico, singolare, irripetibile ed imperfetto. L’opera degli insegnanti come incontro personale con ciascun allievo diviene un criterio educativo e didattico necessario. Personalizzare l’intervento educativo e quello didattico è fondamentale. Ormai diviene una necessità dettata proprio dal bisogno di riflettere e ripensare l’educativo, dalle conoscenze sempre nuove sullo sviluppo dei processi mentali, dalla complessità del sapere, dall’obbligo civile e morale della scuola di indirizzare gli allievi alla conoscenza del sapere, ad affrontare i problemi reali utilizzando conoscenze, competenze, abilità.

Seminario