Call for Paper Rivista "Articolo 33" sul tema "L'educazione alla cittadinanza nei contesti educativi"

Call for Paper Rivista “Articolo 33” sul tema “L’educazione alla cittadinanza nei contesti educativi”

Call for Paper Rivista “Articolo 33” sul tema “L’educazione alla cittadinanza nei contesti educativi”

Su richiesta dei proff. Lisa Stillo e Giorgio Crescenza, segnaliamo la Call for Paper della Rivista “Articolo 33” sul tema “L’educazione alla cittadinanza nei contesti educativi”.
La storia dell’educazione alla cittadinanza in Italia, a cominciare dalle sue molteplici denominazioni, ci documenta un lungo seguito di fallimenti e di rinunce, testimoniando il ruolo spesso marginale assegnato all’insegnamento dell’educazione civica, alcune volte utilizzato semplicemente ai fini di un disciplinamento sociale e ridotto a una condizione ancillare di materia- non materia. La crescente complessità della società contemporanea richiede un approccio innovativo all’educazione alla cittadinanza, che in una prospettiva ampia può essere intesa come educazione alla cittadinanza globale, in virtù delle interconnessioni e delle interdipendenze esistenti non solo tra sistemi sociali, politici e culturali, ma anche tra singole soggettività. Diversi interventi normativi degli ultimi decenni, sia a livello nazionale sia internazionale, hanno sottolineato con chiarezza il ruolo fondamentale della scuola dell’autonomia nel contesto sociale e nel sostegno a percorsi di sviluppo necessari a un miglioramento della condizione più generale vissuta dentro e fuori i contesti educativi.
A tal proposito, l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e l’Unesco da anni supportano percorsi di cittadinanza attiva, richiedendo un impegno profondo anche da parte delle istituzioni scolastiche a sperimentarsi come vere e proprie “palestre di cittadinanza” e luoghi di convivenza democratica. Si tratta di costruire modalità nuove e plurali di relazione con l’altro e di supporto ad una responsabilità sociale rivolta alla promozione del bene comune, per l’affermazione non solo formale ma anche sostanziale dei diritti di tutti: dal diritto al sapere al riconoscimento del diritto alla diversità, dall’accesso all’educazione al diritto di partecipare attivamente alla costruzione e alla negoziazione della società presente e futura. Questi sono i diritti di cui ogni professionista della formazione, in particolare dirigenti scolastici e docenti, possono garantire la tutela, così come espresso nell’articolo 3 della Costituzione.
Invitiamo dunque studiosi, dirigenti scolastici, insegnanti ed educatori a elaborare contributi che esplorino, analizzino e approfondiscano tali questioni attraverso proposte di carattere teorico-fondativo atte ad ampliare le riflessioni intorno all’educazione alla cittadinanza e alle sue possibili configurazioni e sviluppi, come anche contributi che presentino esperienze e pratiche educative connesse all’educazione alla cittadinanza con un particolare riferimento ai contesti di apprendimento formale.
Dead Line per l’invio del contributo: entro e non oltre il 20.04.2024 alla seguente mail: redazione@edizioniconoscenza.it
Il contributo dovrà essere già completo di revisione e dell’editing (Times New Roman, 12), e non dovrà essere inferiore ai 15.000 caratteri e non superare i 25.000 caratteri, inclusi spazi, abstracts in italiano e inglese intestazione e bibliografia.

Call

Articoli correlati