Tutti i post in Archivio Call

Call della rivista “MeTis. Mondi educativi. Temi, indagini, suggestioni” sul tema “I discorsi d’odio come problema pedagogico emergente”

Categorie: Archivio Call
Commenti disabilitati su Call della rivista “MeTis. Mondi educativi. Temi, indagini, suggestioni” sul tema “I discorsi d’odio come problema pedagogico emergente”

Su richiesta dei Proff. Isabella Loiodice e Giuseppe Annacontini, segnaliamo la call della rivista “MeTis. Mondi educativi. Temi, indagini, suggestioni” sul tema “I discorsi d’odio come problema pedagogico emergente” n. 2/2019.
In ragione della natura pedagogica e didattica della Rivista e della sua attenzione per le suggestioni interdisciplinari, accogliamo contributi di studiosi ed esperti, italiani e non, afferenti ad ogni disciplina scientifica.
Per pubblicare vi invitiamo a prendere visione della Call sul sito della Rivista, ponendo particolare attenzione ad alcune importanti variazioni rispetto alle modalità di presentazione e alla relativa tempistica pubblicare nella sezione “Risorse” -> “Proposte” del sito http://metisjournal.it/index.php/metis/announcement/view/7

 

Call della rivista “Il Nodo. Per una pedagogia della persona” sul tema “Occupabilità e Orientamento. Una idea di Università”

Categorie: Archivio Call
Commenti disabilitati su Call della rivista “Il Nodo. Per una pedagogia della persona” sul tema “Occupabilità e Orientamento. Una idea di Università”

Su richiesta della Prof.ssa Sandra Chistolini, segnaliamo la call della rivista “Il Nodo. Per una pedagogia della persona” sul tema “Occupabilità e Orientamento. Una idea di Università”, presentato il 19.10.2018 a Napoli, nel corso del Convegno annuale dell’AIDU Associazione Italiana Docenti Universitari. Considerata la natura pedagogica ed interdisciplinare della Rivista, sono accolti contributi di studiosi ed esperti, italiani ed esteri, afferenti ad ogni disciplina scientifica, con particolare riferimento alle finalità di presenza universitaria associativa dell’AIDU, fondata dal pedagogista emerito Luciano Corradini. Inviare gli articoli a sandra.chistolini@uniroma3.it entro il 31.07.2019. Per lo stile, le citazioni, la bibliografia fare riferimento alla sesta edizione dello stile APA. Gli Autori possono seguire come esempio il numero 48 del 2018 della rivista “Il Nodo”.
Per maggiori informazioni: http://www.sandrachistolini.it/?p=5484

Call

Call della SILK CITIES International Conference 2019 “Reconstruction, Recovery and Resilience of Historic Cities and Societies” – 15 aprile

Categorie: Archivio Call
Commenti disabilitati su Call della SILK CITIES International Conference 2019 “Reconstruction, Recovery and Resilience of Historic Cities and Societies” – 15 aprile

Su richiesta dei Proff. Alessandro Vaccarelli e Antonella Nuzzaci, segnaliamo la call della SILK CITIES International Conference 2019 “Reconstruction, Recovery and Resilience of Historic Cities and Societies”. La scadenza della call è il 15.04.2019.
Il convegno internazionale, dall’Università degli Studi dell’Aquila, dalla University College of London e da Silk Cities, si terrà dal 10.07.2019 al 12.07.2019 a L’Aquila.
Al convegno, di natura interdisciplinare, parteciperanno ricercatori, studiosi, docenti di vario indirizzo, per promuovere una riflessione comune sui temi della ricostruzione materiale e immateriale dei contesti urbani segnati da condizioni di criticità, sullo sviluppo di comunità, sui processi attivatori di resilienza individuale e istituzionale. La presenza nel comitato scientifico di pedagogisti (Prof.ssa Antonella Nuzzaci, Prof. Alessandro Vaccarelli)implicherà un’attenzione specifica anche per gli aspetti educativi dei vari settori scientifico-disciplinari.
Per informazioni più dettagliate, si invita a consultare il sito dell’evento: http://silk-cities.org

Locandina

Call for papers “Civitas Educationis” per il Symposium “Anarchismo ed educazione”

Categorie: Archivio Call
Commenti disabilitati su Call for papers “Civitas Educationis” per il Symposium “Anarchismo ed educazione”

Su richiesta del Prof. Enricomaria Corbi, segnaliamo la call for papers “Civitas Educationis” per il Symposium “Anarchismo ed educazione”, che verrà pubblicato nel n. 2/2019 della Rivista Internazionale (Fascia A) “Civitas Educationis. Education, Politics and Culture”.
La call for papers è consultabile al seguente link: https://universitypress.unisob.na.it/ojs/index.php/civitaseducationis/announcement/view/52

Call

Call for papers rivista “Form@re” su “Prospettive di ricerca nell’Educazione degli Adulti. Dalla formazione alle competenze per il mondo del lavoro” – 15 aprile

Categorie: Archivio Call
Commenti disabilitati su Call for papers rivista “Form@re” su “Prospettive di ricerca nell’Educazione degli Adulti. Dalla formazione alle competenze per il mondo del lavoro” – 15 aprile

Su richiesta dei Proff. Vanna Boffo e Claudio Melacarne, segnaliamo la call for papers della rivista “Form@re. Open Journal per la Formazione in rete” n. 2/2019 su “Prospettive di ricerca nell’Educazione degli Adulti. Dalla formazione alle competenze per il mondo del lavoro”.
La domanda dalla quale partiamo riguarda l’urgenza con la quale la ricerca in Educazione degli adulti si interroga per rispondere alla complessità attuale. Formazione e Lavoro sono le due tracce e, all’interno di queste, quali azioni educative nella formazione e nel Lavoro per lo sviluppo, per la sostenibilità, per l’employability, per l’entrepreneurship.
Le chiavi di lettura che sollecitiamo sono quelle del divenire adulti attraverso la formazione, attraverso il lavoro, per mezzo della configurazione di competenze che ci contraddistinguono. Quali competenze, per quali adulti, per quali professioni e per quale lavoro, ma soprattutto per quale futuro.
La call n. 2/2019 intende raccogliere contributi e analisi che possano permettere di rispondere alle domande sulle seguenti linee di ricerca:

  1. L’Educazione degli Adulti e i nuovi bisogni sociali, politici, culturali
  2. La transizione al lavoro, le competenze per il lavoro, la formazione al lavoro
  3. Il lavoro in un mondo “già cambiato”: l’agire educativo per il futuro
  4. Adulti in-formazione
  5. Politiche per l’employability, l’entrepreneurship, la sustainability.

Guest Editor: Vanna Boffo (Università di Firenze), SoongHee Han (Seoul National University), Claudio Melacarne (Università di Siena).
La scadenza per l’invio dei contributi è per il 15.04.2019.
Uscita del numero è fissata per il 31.07.2019.
Per maggiori informazioni: http://www.fupress.net/index.php/formare

Call

Call “Rivista Excellence and Innovation in Learning and Teaching” su “Innovazione nei servizi educativi e formativi nella logica dell’apprendimento permanente” – 15 aprile

Categorie: Archivio Call
Commenti disabilitati su Call “Rivista Excellence and Innovation in Learning and Teaching” su “Innovazione nei servizi educativi e formativi nella logica dell’apprendimento permanente” – 15 aprile

Su richiesta del Prof. Ettore Felisatti, segnaliamo la call “Rivista Excellence and Innovation in Learning and Teaching” su “Innovazione nei servizi educativi e formativi nella logica dell’apprendimento permanente”.
La scadenza per l’invio dei contributi è il 15.04.2019.

Call

Call for paper “Educational Systems and Societal Changes. Challenges and Opportunities” – 15 marzo

Categorie: Archivio Call
Commenti disabilitati su Call for paper “Educational Systems and Societal Changes. Challenges and Opportunities” – 15 marzo

Su richiesta della Prof.ssa Elisabetta Biffi, segnaliamo la call for paper “Educational Systems and Societal Changes. Challenges and Opportunities”.
La Mediterranean Conference, organizzata da Faculty of Teacher Education, University of Rijeka e da Croatian Educational Research Association, si svolgerà dal 06.06.2019 al 07.06.2019 a Rijeka (Croazia).
La scadenza per l’invio dei paper è il 15.03.2019.
Per maggior informazioni: https://esscco.uniri.hr

Call

Call for papers “Scuola, università e leggi razziali. Una riflessione storico-educativa sulle leggi razziali in Italia” – 3 marzo

Categorie: Archivio Call
Commenti disabilitati su Call for papers “Scuola, università e leggi razziali. Una riflessione storico-educativa sulle leggi razziali in Italia” – 3 marzo

Su richiesta del Prof. Pietro Causarano, segnaliamo la call for papers “Scuola, università e leggi razziali. Una riflessione storico-educativa sulle leggi razziali in Italia”.
Nella ricorrenza delle leggi razziali del 1938, il numero 2/2019 della “Rivista di Storia dell’Educazione” intende dedicare la sezione monografica al tema del rapporto fra scuola e leggi razziali. L’obbiettivo è quello di focalizzare la molteplicità e la complessità delle implicazioni storico-educative che hanno coinvolto in primo luogo la scuola, istituzione ritenuta di centrale importanza nell’ideologia totalitaria del regime fascista.
Per maggior informazini: https://www.rivistadistoriadelleducazione.it/index.php/RSE/announcement/view/2

Locandina

Call for paper “Decoding the Disciplines Scholarly E-Journal 2019” – 15 febbraio

Categorie: Archivio Call
Commenti disabilitati su Call for paper “Decoding the Disciplines Scholarly E-Journal 2019” – 15 febbraio

Su richiesta della Prof.ssa Sandra Chistolini, segnaliamo la call “Decoding the Disciplines Scholarly E-Journal 2019”.
Il Decoding the Disciplines lancia la realizzazione del Giornale Elettronico in formato accademico denominato Decoding the Disciplines Scholarly E-Journal 2019 quale documento ufficiale relativo alla innovazione guidata dalla metodologia specifica. I partner europei, riuniti nel Progetto Decoding the Disciplines, iniziato nel Programma Erasmus + del 2016, hanno condotto diversi incontri di formazione e ricerca con l’introduzione, la sperimentazione, l’applicazione e la valutazione della qualità dell’insegnamento e dell’apprendimento negli studi superiori. Al fine di dare ampia diffusione ai contenuti disciplinari che caratterizzano l’impatto pedagogico, oggetto di studio nel nostro sistema universitario e scolastico, invitiamo a partecipare alla Call per la raccolta delle riflessioni scientifiche sul Decoding. I protocolli finora elaborati da docenti, studenti, esperti e valutatori sono di grande interesse e possono divenire materiali ad uso della più ampia comunità internazionale.
La scadenza per la presentazione dei testi è fissata al 15 febbraio 2019. Bastano poche righe ma importantissime per dare il feedback dall’Italia: al massimo 100 parole di abstract e 3000 parole di articolo. Durante il Multiplier Event. Decoding the Disciplines in our University. Development and benefits for teachers and students del 12 marzo 2018, svolto presso il Dipartimento di Scienze della formazione dell’Università Roma Tre, sono stati elaborati diversi interventi che aspettano di essere organizzati per la fruizione allargata e la conoscenza più estesa, da questa esigenza nasce anche il Decoding the Disciplines Scholarly E-Journal 2019.
Nei giorni 1-2 luglio 2019 si avrà in Belgio l’evento finale di presentazione dei risultati del Progetto Decoding the Disciplines. La partecipazione è aperta a studiosi di ogni campo disciplinare.
Per maggiori informazioni: http://www.sandrachistolini.it/?p=4245
Per partecipare alla Call, inviare il proprio contributo scritto in inglese a sandra.chistolini@uniroma3.it

Call

 

Call for paper “La responsabilità sociale delle Università e i fenomeni migratori” – 20 aprile

Categorie: Archivio Call
Commenti disabilitati su Call for paper “La responsabilità sociale delle Università e i fenomeni migratori” – 20 aprile

Su richiesta dei Proff. Federico Batini e Giovanna Del Gobbo, segnaliamo la call for paper “La responsabilità sociale delle Università e i fenomeni migratori”.
Quali sono le responsabilità del mondo universitario di fronte a emergenze sempre più urgenti e ineludibili?
Nel Comunicato di Yerevan del 2015 e nel Comunicato di Parigi del 2018 è ribadito che rendere i sistemi di alta formazione sempre più inclusivi è un obiettivo essenziale dello Spazio Europeo, dal momento che le popolazioni si diversificano sempre di più anche a causa dell’immigrazione e dei cambiamenti demografici in corso.
La scuola ormai da anni affronta il tema dell’inclusione e, seppur in forma contraddittoria nei risultati, realizza iniziative e interventi per venire incontro a bisogni nuovi e sfidanti. In Italia il mondo universitario è stato solo marginalmente toccato dal fenomeno migratorio: nella formazione degli insegnanti, nella ricerca e nella collaborazione nel campo della cooperazione allo sviluppo, ma non è stata chiamata ad affrontare in modo sistematico questioni quali l’accesso, la fruizione e il successo accademico di rifugiati, richiedenti asilo e studenti migranti svantaggiati, come accade invece in altri Paesi europei.
Se i livelli di educazione sono un indicatore di inclusione (Using EU indicators of immigrant integration, 2013), anche l’alta formazione ne è interessata. I dati tuttavia segnalano che le percentuali più elevate di immigrati nati all’estero con bassi livelli di istruzione nel 2017 sono state registrate in Italia (49%), Grecia, Spagna (entrambe al 40%) e Malta (39%). In molti Paesi è stato riconosciuto come il flusso di migranti abbia abilità e talenti introdotti nelle economie locali.
Da alcuni anni all’idea di responsabilità culturale dell’università si sta affiancando l’idea di responsabilità sociale. I temi della governance e dell’accountability dell’università sono posti in relazione ai due principi di autonomia e di responsabilità sociale: quest’ultima si fonda sul legame culturale che unisce indicibilmente l’università e la società, ma ne richiama il ruolo di soggetto necessariamente coinvolto nella costruzione della società in un’ottica di sviluppo sostenibile. Si tratta in particolare di una tendenza ad integrare preoccupazioni culturali, sociali ed ambientali attraverso l’azione di formazione, ricerca e terza missione capace di arrecare benefici e avere ricadute nei contesti all’interno dei quali opera. La causa ultima risiede nella richiesta da parte della società che l’università renda conto dell’efficacia delle sue attività in relazione alle sue finalità e ricadute d’interesse pubblico.
Da qui anche l’impegno per l’Università per attenuare le barriere e attirare i giovani rifugiati e migranti nell’istruzione superiore, valorizzando il loro potenziale e talento, ma anche garantire accessibilità ad altre categorie svantaggiate, tra cui persone in stato di detenzione.
Molti i problemi ancora aperti. Come riconoscere le loro precedenti carriere e competenze/conoscenze e facilitare la transizione da altri sistemi di istruzione superiore? Come sostenere la loro permanenza nel sistema di istruzione superiore? Quali servizi di placement e orientamento al lavoro può offrire l’università?
Per maggiori informazioni: http://www.edaforum.it/ojs/index.php/LLL/announcement

Call