2018.09.23 – Basta una laurea per insegnare?

Logo Siped

Il grado di civiltà di una comunità si misura innanzitutto dall’attenzione per l’educazione dei giovani. Attenzione che si misura in risorse destinate alle scuole perché bambini e bambine, ragazzi e ragazzi vivano il tempo dedicato alla formazione in ambienti belli e sani, e innanzitutto con docenti qualificati. Un docente è in grado di attivare un buon processo di formazione se a sua volta ha ricevuto una formazione adeguata. Non è sufficiente possedere competenze culturale disciplinari (matematica o storia, lettere o scienze, chimica o latino) ma occorre anche sapere come insegnare: come gestire un contesto di apprendimento, come stabilire una buona comunicazione, come costruire un curricolo in modo da favorire l’apprendimento dei studenti, come valutare. E anche queste abilità necessarie non sono tuttavia sufficienti. Al docente è chiesto di attivare processi di inclusione, di riconoscere e gestire situazioni di disagio che possono arrivare a mettere in crisi la vita della classe, di costruire buoni rapporti con le famiglie perché senza alleanza con i genitori il processo educativo della scuola ha poche possibilità di riuscire. Non ultimo, anzi di assoluta necessità, sono le competenze necessarie a fare della scuola un luogo dove si apprendono non solo le “materie” ma si impara a diventare cittadini responsabili, capaci di pensiero critico, di solidarietà e di impegno civico.
È allora sufficiente acquisire una laurea, senza aver sostenuto esami di carattere pedagogico, didattico e psicologico, per insegnare a preadolescenti ed adolescenti o non è davvero necessario prevedere un percorso adeguato di formazione a insegnare?
Possiamo certo discutere la Buona scuola (cosa che abbiamo già fatto più volte criticamente), ma non il principio che per insegnare occorrano competenze pedagogico-didattiche, oltre a quelle disciplinari, per il bene delle giovani generazioni.

Il Direttivo Siped e Luigina Mortari, delegata per la formazione docenti